Archivio mensile:giugno 2017

23.06.2017 – La grande Croce in Loc. Noceto

BENEDIZIONE DELA TARGA

Il 24 settembre 2017 alle ore 16,45 prima della Festa degli Anziani, si è radunato un gruppetto di persone della zona Noceto davanti alla Croce della suddetta Località e il diacono Francesco Cantino ha benedetto la targa inserita per l’occasione. La targa ricorda l’anno di costruzione “1896”.  Don Claudio al termine ha dato la benedizione finale a coloro che hanno partecipato.

 

 

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

foto-croce-in-localita-noceto-a-frincocci24062017

 

 

L’articolo completo inviato alla Gazzetta era così …
(E’ stato tagliato per motivo di spazio)

 

LA GRANDE CROCE DI FRINCO

Scoperta la data di costruzione

A Frinco in Località Noceto – sulla strada che va verso la chiesetta di San Rocco – c’è una grande Croce in pietra.  Nel mese di aprile scorso il Comune ha provveduto al suo lavaggio completo per togliere le incrostazioni causate dal tempo che passa.  Molte di queste costruzioni, come anche piloni, cippi, lapidi ecc., sono ancora presenti nei nostri paesi a testimonianza di una devozione popolare che attraversa i secoli.
A Frinco, quasi ogni anno viene organizzata anche una passeggiata il cui percorso si snoda tra le colline circostanti.   Il tragitto ha un richiamo storico in quanto si incontrano lungo il percorso 4 piloni votivi costruiti circa 150 anni fa, ma perfettamente conservati grazie ad un recente restauro, e 3 cippi richiamanti eventi storici di Frinco.
L’itinerario si sviluppa prevalentemente su strade sterrate e tocca punti di particolare pregio paesaggistico da dove si possono ammirare i Paesi della vallata del torrente Versa sino a Villadeati e più in là sino all’arco alpino dal Monterosa sino al Monviso.

La Croce di cui abbiamo accennato all’inizio, pur essendo ben visibile per chi transita, rischiava di essere dimenticata (e nessuno si ricordava la data della sua costruzione), così l’occasione della sua pulizia ha dato il via ad una ricerca che ha dato i suoi frutti. Su di un Bollettino Parrocchiale del 1943 si trova un necrologio scritto dal parroco di quel tempo (don Giovanni Riccio) che recita così:

Nel pomeriggio dell’11 aprile (1943), a 88 anni moriva Becchio Romano, cristiano convinto, nei 25 giorni che tenne il letto ricevette più volte la Comunione e chiese lui stesso l’olio santo. Conservò la mente sempre lucida e il suo brio quasi fino all’ultimo. Ricordava tutti gli avvenimenti del paese. Rievocò dettagliata la erezione della Croce sulla strada di San Rocco nel 1896, quando un Padre Cappuccino pronunziò queste parole: “O Croce, oggi è il tuo trionfo, ma ricordati verrà giorno in cui i cristiani passandoti vicino non ti faranno neanche più un inchino”.
Ed è proprio così, commentava Romanin; le cose vanno male perché si dimentica troppo Iddio. Io lo so perché in 88 anni ho visto il mutamento di Frinco. Teniamo queste parole di un veterano come un testamento spirituale e ritorniamo alla pietà dei Padri. Fu sindaco per 20 anni. I suoi Funerali furono solenni. 

Così grazie a questo necrologio abbiamo scoperto la data di costruzione (1896) e le motivazioni di altre date incise sulla stessa. Inoltre si sta pensando di applicare una targa ricordo in occasione della benedizione delle case della zona programmata per domenica 25 giugno alle ore 18.

Dal prossimo anno questa croce sarà inserita nell’elenco del percorso della passeggiata ai piloni e così, oltre ad “un inchino” sarà recitata anche una preghiera.
Francesco Cantino diacono

 

 

28.5.2017 Passeggiata ai Piloni Votivi

 

gazzetta-dastipiloni7

 

Per vedere la descrizione della passeggiata scritta da Angelo Perinel clicca > QUI.

e attendere l’apertura in PDF

 

Foto scattate da Franco Gaspardone (cliccare sulle immagini per ingrandire)